- Beauty -

CIBO: SOGNI E ALIMENTAZIONE.

3 dicembre 2018

In quest’articolo parleremo di cibo, di sogni, di alimentazione onirica e di relazione tra alimenti e stati d’animo.

Sognare cibo: gli psicologi sostengono che sia colpa della mancanza di affetto.

Chi avverte la necessità, anche inconscia, di amore, trascorre la notte ad avventurarsi tra dolci e panini, tra pizze e piatti di pasta.

 

CIBO, UNA PERSONA DU DUE LO SOGNA ANCHE DI NOTTE.

Vi è mai capitato di vivere esperienze oniriche con il cibo protagonista? Eppure, da una ricerca condotta da Doxa per Deliveroo, su un campione nazionale di 1000 persone, emerge che una persona su due che sogna cibo lo fa con una certa regolarità, mentre una su cinque afferma, invece, di sognarlo sempre. 

E’ interessante sapere che l’universo onirico del food cambia in funzione del sesso del sognatore: anche in questo caso gli uomini che sono accompagnati, durante il sonno, da piatti di pasta e da pizze di ogni tipo, si distinguono dalle donne che, invece, a quanto pare, soddisfano la loro voglia di dolci, sognandoli.

 

 

DOLCI SOGNI… E ANCHE SALATI. 

Ragazze, ne sapete qualcosa anche voi? Anche se a fare dolci sogni, ma perché no, anche salati, sono soprattutto le signore per il 62% degli intervistati, ma anche i giovani tra i 18 e i 24 anni (65%) e i millennial, la fascia di persone tra i 24 e i 34 anni (64%). 

Con che frequenza accade tutto ciò? Il 42% rivela di sognare cibo con molta frequenza. E attenzione, perché a sognare frequentemente cibo e alimenti sono i più giovani (41% tra i 18 e i 24 anni) e coloro i quali risiedono nel sud e nelle isole (36%).

Se è vero che i sogni son desideri, come ci ha insegnato la favola di Cenerentola, allora noi italiani abbiamo una gran voglia di pizza e pasta (43%) e di dolci (41%).

 

CARNE O PESCE?

E la carne? Il pesce? Solo ogni tanto e con una bassa percentuale, gli hamburger o i branzini sono protagonisti dei sogni degli italiani. Per il 18% degli intervistati, si sogna il proprio piatto preferito.

Al di là di Freud e delle regole della psicoanalisi, la maggior parte degli intervistati ritiene che sognare cibo rappresenti una manifestazione di uno stato d’animo di allegria, mentre il 50% associa l’attività onirica legata al food riconducendo il tutto ad una sensazione di desiderio, in particolar modo i millennial (61%) e, più distanziata, alla passione (con il 39% delle preferenze).

Solo il 4% dei rispondenti associa il cibo a stati d’animo connotati negativamente come paura e noia. 

 

Con che frequenza voi sognate il cibo? In relazione a che cosa?

P.S. Nella realtà, invece, il cibo può causare qualche problema di stress. Cliccate qui per approfondire.