- Wellness -

SAUNA: STORIA E BENEFICI DI UN MITO.

20 aprile 2018

In quest’articolo parleremo ancora una volta di sauna, scopriremo nel dettaglio come funziona e a cosa serve.

La sauna nasce in Finlandia ed è nota da sempre per le sue virtù terapeutiche.

La sauna è un trattamento che consente di eliminare notevoli quantità di tossine dal corpo attraverso un bagno di calore che viene effettuato all’interno di una cabina in legno. L’aria interna è mantenuta a una temperatura che oscilla tra i 60 e i 100° C e l’ umidità è molto bassa.

Quest’ambiente fa sì che il sudore evapori e la pelle non si riscaldi troppo. La sauna offre molteplici benefici a persone di tutte le età, con pochissime eccezioni.

Ma ci sono un po’ di cose da tenere a mente prima di fare una sauna.

Esiste un vero e proprio galateo.

Leggetelo qui.

Cosa c’è da sapere per iniziare.

Chi incomincia a far uso della sauna deve tenere presente che il corpo ha bisogno di un certo tempo per abituarsi a determinati stimoli.

Fare la sauna richiede un po’ di accortezza, ed è consigliato affrontare il bagno di calore seguendo le fasi consigliate senza mai strafare.

Dovete permettere all’organismo di godere appieno dei benefici della sauna.

Quando si parla di salute e benessere bisogna sempre fare le cose per bene.

Se avete dubbi chiedete agli addetti preposti all’assistenza.

 

 

Siete quasi pronti per entrare in cabina.

Proprio per la secchezza dell’aria che troverete in cabina, prima di entrare è bene fare scorta di liquidi: acqua, un tè, una tisana, insomma, bevete, preferibilmente bevande non gasate e prive di zucchero, purché non alcoliche.

Insomma, avete capito che è un rito capace di offrire benefici a tutti, o quasi, purché vengano rispettate certe condizioni.

Non vorremmo lasciare il piacere solo ai finlandesi?

 

Godetevi la sauna.

Dopo un’opportuna detersione, si può varcare la soglia della cabina col corpo asciutto: finalmente siete pronti per il meritato relax.

Per favorire la traspirazione del corpo, l’ideale sarebbe entrare nudi, ma sono ammessi anche asciugamani di fibre naturali. E via che si parte.

Sono sufficienti 5-8 minuti per la fase di riscaldamento, durante la quale occorre stare il più possibile rilassati, stesi o comunque con le gambe piegate, purché i piedi siano alla stessa altezza del sedile.

All’interno della cabina ci sarà la possibilità di aumentare l’umidità dell’aria, gettando l’acqua, anche profumata, sulle pietre roventi: in questo modo aumenterete la sudorazione.

Dopo aver riportato i piedi più in basso, riprendetevi un attimo. Ora potrete uscire e, dopo un paio di minuti, sottoponetevi a un breve, ma choccante bagno, o a una doccia di acqua gelata (Finlandia docet). Fate partire il getto della doccia partendo dai piedi verso l’alto: la circolazione sarà riattivata con dolcezza.

A questo punto, rientrate in sauna per altri dieci minuti. Ripetete la prima fase alternandola con un’altra doccia fredda.

Mi raccomando, al termine di ogni fase distendetevi sul lettino: la pressione sanguigna vi ringrazierà.

Un’ultima cosa: alla fine della sauna, integrate con altri liquidi che avrete perso in abbondanza. E magari una volta finita, continuate ad assumere liquidi davanti a un bell’aperitivo. Anche quello fa.

 

A prescindere da tutto, fare la sauna fa bene ed è un modo eccellente per prendersi cura del proprio corpo e dello spirito.

PS: Dopo la sauna, l’aperitivo non vi rimane che una bella cena. Se cercate idee leggete qui.